TONFO CESTISTICA. IN FINALE CI VA IL MONOPOLI

Svanisce il sogno della Cestistica che perde malamente gara 3 per 93 a 75.

08.05.2019

Svanisce il sogno della Cestistica che perde malamente gara 3 per 93 a 75. 
Le speranze della società, dei tanti tifosi ed appassionati della città bianca si infrangono contro la forza, la voglia e la cattiveria agonistica del Monopoli. 
In tantissimi affollano la tribuna del Palapinto rispondendo presente agli appelli di questi giorni. 
I baresi raggiungono con merito la qualificazione contro un Ostuni non all’altezza rispetto all’importanza della posta in palio. Ritenevamo che la sconfitta subita in gara 1 e la successiva reazione avuta in gara 2 potessero far ben sperare per “la bella”. La squadra del patron Tanzarella si rivela, però, una “lontana parente” della squadra ammirata ed apprezzata durante l’arco della stagione regolare. Quella squadra che è stata capace di battere ben 2 volte il Monopoli. 
Bosnjak è della partita ed incarna tutto quello che è necessario per vincere: sacrificio, concentrazione, convinzione, rabbia, energia, fisicità. 
I nostri ragazzi iniziano con il piglio giusto la gara decisiva, almeno in attacco. Kadzevicius, Sherman e Manchisi provano subito ad accelerare ma Monopoli controbatte con Annese e Formica da 3 punti. Il primo quarto si chiude sul 21 a 24 per la squadra di coach Romano. 
Nella seconda frazione la partita continua ad essere equilibrata con gli attacchi che hanno la meglio sulle difese. La Cestistica allunga portandosi sul più 5 ma la coppia Rollo - Annese consente al Monopoli di impattare il risultato. Sarà una bomba di Calisi a regalare il sorpasso alla squadra di casa a cui risponde Mantas con una bella penetrazione e Cestistica che va alla pausa lunga sotto di un solo punto (47 – 46). 
Al rientro in campo la Cestistica si scioglie come neve al sole. E’ il Monopoli a prendere in pugno la partita e ad azzannare gli avversari. L’Ostuni crolla prima mentalmente poi fisicamente. 
Coach Ambrico è bravo a chiudere l’area ed a limitare il nostro lungo che fino ad ora era stato una spina nel fianco per la sua squadra. L’Ostuni è incapace di sovvertire l’inerzia del match e di trovare adeguate contromisure, disunendosi e diventando con il passare del tempo nervosa e poco lucida. In attacco si antepongono soluzioni personali ed individuali al gioco di squadra e tali scelte, il più delle volte, si tramutano in errori (chiudiamo con un eloquente 5 su 23 da 3) o in palle perse. Se in attacco si fa fatica in difesa va ancora peggio. Monopoli sfrutta al meglio le nostre difficoltà e sferra un parziale di 15 a 4 che si rivelerà il colpo decisivo inferto ai frastornati gialloblù. Il terzo tempino vede avanti la squadra di casa per 74 a 59. 
Nell’ultimo quarto l’Ostuni tenta una timida rimonta ma il Monopoli gestisce bene il match nonostante perda per 5 falli Paparella (autore di una partita maiuscola), Annese e Rollo staccando il pass per accedere in finale contro Ruvo. C’è gloria per tutti, Bruni compreso. 
Nella Cestistica la delusione è tanta ed il rammarico più grande è rappresentato dal non aver visto quanto seminato in regular season, al di là dei meriti degli avversari. Subire in due partite quasi 200 punti non era nel nostro dna. E’ risaputo che nei playoff va avanti chi nella metà campo difensiva mette grinta, voglia, direbbe qualcuno la “cazzimma”. 
Smaltita la rabbia, passata la delusione, a mente fredda si tireranno le somme della stagione appena trascorsa, facendo tesoro degli errori fatti per ripartire più forti di prima con lo stesso entusiasmo e la stessa passione.

Arrivederci al prossimo anno e Forza Ostuni. Sempre!

Ufficio stampa e comunicazione - Cestistica Ostuni

LA CESTISTICA C’E’! DOMENICA IL VERDETTO FINALE
ORGOGLIO CESTISTICA, L’UNDER 16 E’ CAMPIONE REGIONALE!