Roster & Staff

GIOVANNI PUTIGNANO IS BACK: È LUI IL NUOVO ALLENATORE DELLA CESTISTICA

In gialloblù dal 2004 al 2011, un ritorno dopo otto anni. Con lui la cavalcata dalla C alla A2

06.11.2019

Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano, cantava Antonello Venditti. Ed è con queste parole nella testa, che la Cestistica Ostuni - dopo le dimissioni di coach Romano - annuncia di aver raggiunto un accordo con Giovanni Putignano per il ruolo di capoallenatore della prima squadra. Un ritorno il suo, a 8 anni e mezzo da quel 3 giugno 2011 che ci vide perdere al PalaGentile contro Trapani in gara 3 di finale dei playoff per la Legadue.

In Legadue, per via del fallimento della stessa Trapani, ci andammo comunque per ripescaggio: ma all'epoca Giovanni e l'Assi Basket decisero di separarsi, e il resto della storia la ricordiamo tutti. Giovanni, ostunese doc, non ha bisogno di presentazioni: la sua prima esperienza da coach a Ostuni è datata 1998, quando era ancora giovanissimo, poi l'esperienza a Campli, solo il preludio del suo ritorno in patria in quella che è stata poi una cavalcata pazzesca.

Arrivato in corsa a sostituire coach Patera all'inizio della stagione 2004/05, Putignano portò quella squadra (con Parisi, Vozza, Della Corte tra gli altri) subito alla storica promozione in Serie B2. Negli anni (sette in tutto) con la città e il pubblico si è creato un legame d'amore viscerale, un'unione totale con il suo coach simbolo: tre le stagioni in B2, le prime due di assestamento, la terza, fantastica, chiusa con la promozione in A Dilettanti dopo aver battuto la Molfetta di Carolillo, Teofilo e Lillo Leo, con una squadra di ragazzi terribili guidata da Donato Avenia e Mimmo Morena.

Poi altre tre stagioni nella terza serie nazionale, tra vittorie esaltanti in regular season (memorabile quella a Barcellona nel 2009/10) e quei playoff 2011 vissuti sulla cresta dell'onda da una folla sconfinata di ostunesi in casa e fuori, persino a Treviglio, a centinaia di chilometri dalla nostra città. La già citata finale persa con Trapani fu la fine della storia d'amore tra Putignano e l'Assi: un amore che ora torna con la Cestistica, con un'analogia - quella del cambio in corsa in panchina - che già fa sognare. Nella speranza che l'epilogo sia lo stesso, da parte di società e dirigenti un grandissimo in bocca al lupo a Giovanni.

Bentornato a casa! 

Ufficio stampa Cestistica Ostuni

COMUNICATO UFFICIALE SU COSIMO ROMANO
UN NUOVO PLAY PER LA CESTISTICA: ECCO TANCREDI ROTUNDO